Iperboli fantozziane del Villaggio italiano

3 luglio 2017

Dire che ci ha fatto ridere sarebbe decisamente riduttivo. Ha fatto molto di più Paolo Villaggio, artefice di quella maschera tragicomica, evocativa, brutale e insieme struggente che risponde al nome di Ugo Fantozzi. Ora lui non c'è più. Ma le sue iperboli, le sue graffianti interpretazioni sociali, i suoi continui attacchi alla mediocrità eletta a paradigma esistenziale, continueranno a restare impresse nell'immaginario collettivo (e nel linguaggio) nostrano.