Profughi, l’ira di Pellicini

22 aprile 2016

E' un fiume in piena Andrea Pellicini, sindaco di Luino, che sulla questione migranti rompe il silenzio, rivendica il ruolo del comune e attacca a testa bassa il privato sociale, termine che definisce gran parte delle associazioni impegnate nella gestione dei centri di accoglienza. "Altro che impegno sociale - sbotta Pellicini - qui c'è gente che si arricchisce a spese dello Stato. Un esempio è Colmegna - prosegue il sindaco - arriveranno 10 persone come annunciato dal Prefetto di Varese, ma ogni richiedente asilo costa tra i 33 e i 35 euro, tutti soldi che finiranno nelle tasche della cooperativa che lo ospita".