Caso Rizzi, incazzarsi non basta

17 febbraio 2016

Dopo l'ennesima bufera giudiziaria che ha colpito la Sanità lombarda e portato in carcere il braccio destro di Maroni, il leghista Fabio Rizzi, ci aspettiamo un gesto di forte discontinuità: amministrativa e politica. Ricordando l'assessore Alessandro Cè, leghista duro e puro che non accettò alcun compromesso. E fu cacciato in malo modo.